HOME PAGE

STORIA DI RADIO PALAZZO CARLI

1985 – 2010 Radio Palazzo Carli l’11 febbraio 2010 compie 25 anni. Un bel traguardo per l’emittente diocesana. La sua nascita è partita dalla dismissione di un’altra radio cattolica, Radio Colle S.Paolo di Vittorio Veneto e si deve anzitutto alla felice intuizione –prima- e alla grande determinazione –dopo-, unitamente a costanza e volontà, di mons. Pietro Mazzarotto: un miracolo! come ama ricordare. Il nome della emittente deriva dal palazzo in cui ha sede. Inizia come voce della parrocchia del Duomo S.Nicolò di Sacile. E’ in onda soltanto per parte del giorno e con una sola frequenza 100.200 Mhz. In seguito il consenso creatosi intorno all’emittente induce i responsabili ad estendere gli orari di trasmissione a tutta la giornata. Nel 1990 la legge Mammi esige adempimenti e limiti specifici e da qui la necessità di adeguarsi alla normativa sempre più particolareggiata per il settore delle radio private, per cui molte sono le pratiche burocratiche necessarie da espletare, per avere prima la concessione a trasmettere, poi per mantenerla e quindi per rafforzarla. Pratiche che si debbono aggiornare a scadenze annuali. Nei primi anni il sostentamento è supportato dalle offerte degli ascoltatori in aggiunta all’aiuto sempre pronto della parrocchia del Duomo S. Nicolò; poi grazie all’appoggio pieno e convinto dei vescovi che si sono succeduti nella diocesi di Vittorio Veneto, alle provvidenze e ai contributi pubblici, c’è la possibilità di ampliare l’emittente con nuove frequenze, sono possibili gli aggiornamenti costanti delle apparecchiature, i rinnovi degli studi. Ai primi pionieri si sono poi affiancati e succeduti negli anni, diversi volontari animati dalla stessa passione per il mezzo radiofonico e convinti, ieri come oggi di poter essere vicini alle famiglie, in special modo a quelle ove siano presenti persone ammalate, anziane o sole, con approfondimenti di carattere spirituale, con messaggi cristiani, preghiere e con la presentazione delle attività della diocesi di Vittorio Veneto, l’informazione locale (obbligatoria per mantenere la concessione a trasmettere), l’informazione sociale, con prosa, con trasmissioni legate al mondo della scuola, musica in genere e musica lirica, e poi trasmissioni di giovani con programmi ad hoc per loro. La passione, la costanza e perché no, la capacità dei componenti del consiglio direttivo, dei tecnici e dei tanti collaboratori volontari, fa sì che l’emittente diventi sempre più grande e comunque sempre più vicina agli ascoltatori che riconoscono in Radio Palazzo Carli la “radio amica”. Le frequenze sono diventate 7 ed irradiano il segnale in quattro province: Pordenone – Treviso – Belluno – Venezia. (ma c’è anche chi ci ascolta in una zona dell’ex Iugoslavia); ben due sono gli studi distaccati: a Vittorio Veneto e a Conegliano. Inoltre è funzionante il collegamento con il duomo di Sacile, il collegamento con la Cattedrale di Vittorio Veneto, e quello con il circuito inBlu da Roma. Radio Palazzo Carli non è una radio commerciale ma una radio comunitaria ONLUS. Aderisce a livello nazionale sia all’Associazione CORALLO, sia al circuito satellitare nazionale INBLU (organismo creato dalla CEI Conferenza Episcopale Italiana) che riunisce in Italia più di 200 radio di indirizzo cattolico. Grazie a questa collaborazione la programmazione di Radio Palazzo Carli è ulteriormente arricchita, e offre informazione nazionale ed estera nonché approfondimenti sui più importanti temi di attualità, riuscendo però a mantenere la propria identità. Ai microfoni si alternano una quarantina di volontari giovani e meno giovani che con le pur diverse capacità e interessi, sono la forza e la garanzia della continuità con un loro articolato palinsesto via via integrato con nuove trasmissioni, rubriche, servizi e dirette con gli ascoltatori.

Comments are closed.